Agevolazioni fiscali

Bonus Antifurto e Videosorveglianza 2018: come ottenere la detrazione fiscale

Famiglia e casa protette con le detrazione del 50%

Proteggere la propria famiglia e la propria casa resta uno dei più importanti obbiettivi che ognuno di noi vuole raggiungere. Per aiutarti a conquistare questa meta e prevenire le attività criminali, è stata prorogata per tutto il 2018 il bonus antifurto previsto nella legge di stabilità.

 

Potrai quindi usufruire di una detrazione fiscale del 50%, a seguito dell’installazione di un impianto di allarme e videosorveglianza atti a garantire la sicurezza da furti, aggressioni e sequestri in casa o appena fuori dall’abitazione (atrio, giardino, terrazzo, …).

Fai attenzione però, garantire la sicurezza non è sufficiente. Per poter accedere al bonus è necessario rispettare queste 6 semplici regole:

  1. Impianto di allarme e antifurto deve essere installato da un professionista del settore

  2. Pagamento deve avvenire esclusivamente attraverso Bonifico Parlante

  3. Devi essere un privato cittadino assoggettato all’IRPEF (Imposta sul Reddito delle PersonE Fisiche)

  4. Dichiarazione dei Redditi deve riportare la spesa e indicare i dati catastali dell’immobile dove è stato installato l’impianto

  5. Devi essere in regola con i pagamenti di TASI e/o IMU (potrebbero venire richiesti da un eventuale controllo)

  6. Ricordati di conservare tutti i documenti relativi ai lavori (potrebbero venire richiesti da un eventuale controllo)

Bonus Antifurto 2018 con Bonifico Parlante

Come accennato nel paragrafo precedente, una delle condizioni essenziali per poter usufruire del bonus, è effettuare il pagamento della prestazione professionale esclusivamente attraverso Bonifico Parlante, considerato un documento validi in quanto richiede l’inserimento di dati specifici per l’identificazione.

Proprio per questo motivo, deve essere compilato correttamente in ogni sua parte, anche una sola informazione omessa o sbagliata causerò la perdita del diritto alla detrazione del 50%.

Alcune cose da sapere per il bonus fiscale:

  • Chi effettua il bonifico deve essere chi chiede la detrazione

  • Devono essere riportati nome, cognome e codice fiscale di chi effettua il pagamento

  • Deve essere riportata la causale completa con tanto di riferimento normativo

  • Devono essere riportati gli estremi della fattura

Noi, sappiamo bene quanto è delicata questa fase e quanto è facile commettere un errore che ti costerebbe ben il 50% di detrazione, proprio per questo motivo i clienti che si affidano a SicurPro srl vengono accompagnati in ogni fase, anche nella compilazione del bonifico parlante.

Non ci piace lasciare nulla al caso.

Quali spese rientrano nelle Detrazioni Fiscali 2018 per la sicurezza?

La detrazione fiscale 2018 spetta per tutte quelle spese sostenute per realizzare interventi sugli immobili volti a garantire la sicurezza della tua casa da furti, rapine, aggressioni.

  • Perizie per installazione impianto di allarme e antifurto

  • Sopralluoghi installazione impianto di allarme

  • Progettazione impianto di allarme

  • Prestazioni professionali connesse allarme di casa

  • Spese per l’acquisto dei materiali impianto di allarme

  • Rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate e recinzioni

  • Grate Finestra

  • Installazione di Porte blindate o rinforzate

  • Sostituzioni Serrature

  • Serramenti: spetta detrazioni sulle spese d’installazione di rilevatori di apertura e di effrazione

  • Saracinesche

  • Tapparelle metalliche con bloccaggi

  • Vetri antisfondamento

  • Telecamere a circuito chiuso collegate con centri di vigilanza privata

  • Compenso corrisposto per la relazione di conformità dei lavori alle leggi vigenti

Come funziona la detrazione fiscale del 50%?

La detrazione fiscale 50% funziona in questo modo: a partire dall’anno di conseguimento della spesa, l’ammontare della cifra che è possibile detrarre viene ripartita in 10 rate di importo costante che annualmente vanno a ridurre la quota IRPEF dovuta.

Sistemi di Allarme casa e IVA

Oltre alle detrazioni fiscali è utile sapere che i sistemi di allarme e antifurto casa godono in parte dell’IVA agevolata al 10%. Questa viene applicata solamente ad una parte dei costi relativa ala differenza tra il costo totale e le spese per il bene significativo.

Non sei il proprietario dell’immobile? Scopri come usufruire della detrazione fiscale 2018

Se non sei il proprietario dell’immobile ma ne sei il detentore, cioè colui che dispone concretamente di un bene come ad esempio l’inquilino di un appartamento, puoi usufruire anche tu della detrazione fiscale 2018 per l’installazione di un impianto di allarme.

Per poter ottenere questo bonus, dovrai aggiungere alla documentazione necessaria descritta all’inizio di questo articolo anche gli estremi di registrazione dell’atto che attribuisce il titolo di detentore (contratto di locazione e di comodato) e devi essere in possesso del consenso di esecuzione dei lavori da parte del proprietario.

E' importante conoscere quelli che possono essere i benefici fiscali e a chi spettano.

Privati  e/o aziende hanno regimi fiscali differenti; è fondamentale conoscere, per ottenere questi benefici, quelle che sono le normative.

Ecobonus 2016

detrazioni fiscali per la Domotica

Detrai il 65% delle spese sostenute per la domotica e l’automazione del tuo edificio

Buone notizie per chi sta progettando un impianto domotico per la propria casa.

Dal primo gennaio a fine dicembre 2016 infatti, grazie all’Ecobonus introdotto con la legge di Stabilità, coloro che acquistano o installano impianti domotici, dispositivi multimediali e sistemi di controllo a distanza per la smart home potranno avvalersi della detrazione fiscale Irpef al 65% spalmata su 10 anni.

Negli anni passati tali interventi erano compresi invece nel bonus ristrutturazione, detraibile quindi solo al 50%.

Per avere diritto all’agevolazione, tali impianti dovranno consentire oltre che l’accensione e lo spegnimento a distanza dei dispositivi, anche di mostrare i consumi. 

In particolare l'emendamento fa riferimento all'acquisto, installazione e messa in opera di “dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda e climatizzazione nelle unità abitative”.

Il controllo del riscaldamento è quindi una condizione indispensabile per poter godere dell'ecobonus ed è questa ovviamente una delle tanti funzioni offerte da Ikon Server, l’innovativo supervisore domotico che consente un controllo completo di tutti i dispositivi della casa nonché elaborati sistemi di reportistica sui consumi, rientrando quindi a pieno titolo nella casistica descritta dalla legge di Stabilità 2016.

Un riconoscimento legislativo che equipara l’installazione di un sistema domotico ad un qualsiasi intervento di efficientamento energetico, rendendo così finalmente merito al ruolo determinante che la domotica gioca sul fronte del risparmio energetico.

Come funziona l’Ecobonus?

Il contribuente che intende installare l’impianto domotico dovrà farsi rilasciare dalla ditta installatrice la documentazione attestante l'intervento, effettuare il pagamento dei suddetti costi mediante bonifico da cui risulti la causale del versamento. Fatto ciò, il contribuente beneficiario, ai fini di ufficializzare l'agevolazione, deve dichiarare le spese domotica nella prossima dichiarazione dei redditi, suddividendo l'importo da detrarre in 10 quote annuali di pari importo.

© 2023 by Coming Soon

Proudly created with Wix.com

CONSULENZA

Ogni impianto, ogni progetto, viene pensato e studiato a misura. Ogni tipologia di ambiente richiede un determinato impianto, ogni cliente richiede un livello di sicurezza differente ed ogni cliente ha, o Vuole, strumenti più o meno performanti.

Questo è il nostro VALORE AGGIUNTO.

Trovare la soluzione richiesta è "facile", trovare e proporre una soluzione più performante, allo stesso prezzo, ci rende unici.

INSTALLAZIONE

L'installazione deve essere eseguita alla perfezione; nulla deve essere lasciato al caso. Sia dal punto di vista tecnico che estetico.

Una non corretta installazione comprometterebbe tutta la progettazione e di conseguenza il risultato finale nonché una insoddisfazione dell'utente.

E' per noi importante comunicare che tutte le nostre installazioni vengono da noi eseguite e le informazioni sono assolutamente  RISEVATE.

ASSISTENZA POST-VENDITA

L'assistenza POST-VENDITA è certamente un elemento che ci contraddistingue.

Il nostro servizio viene gestito da operatori, in sede, sempre disponibili. E' importante, per l'utente, sapere che può sempre contare su qualcuno che risponde.....

Abbiamo un magazzino di nostra proprietà il chè ci permette di poter assistere tutti i giorni H24 per tutto l'anno i nostri clienti.

Il nostro sistema di Ticketing permette di informare, in tempo reale, i tecnici sulle richieste di assistenza pervenute con tutti i dati che consentono un efficiente intervento, telefonico, da laboratorio o direttamente sul posto. Il servizio H24 è strettamente legato ad un contratto di asisstenza che preveda questa attività (vedi sezione dedicata)

servizi di manutenzione

Per i più esigenti sono offerti servizi di manutenzione al fine di poter offrire un servizio di controllo costante e continuativo dell'impianto. Non solo, in alcune tipologie di contratto, oltre ai vari servizi, viene garantita l'assistenza entro 24 ore dalla chiamata con ripristino dell'impianto.

E' importante, è fondamentale, monitorare e controllare il proprio impianto per evitare che, al momento del bisogno non funzioni.

SICURPRO srl

Via Emilia Ovest - 41123 Modena (MO)

Tel. 059333802   Fax. 0598292992 

P.I. 02363070364  | REA MO-283952

  • Facebook Social Icon